E’ necessario trovare delle alternative all’attraversamento del traffico nei centri abitati di Fiume Veneto. Le soluzioni vanno individuate con il più ampio consenso e non imposte: lo diciamo da quasi 10 anni, l’avevamo inserito nel nostro programma elettorale già del 2009. Tuttavia da allora tutto è rimasto fermo immobile e Vaccher non sa cosa fare.

 

Come avevamo pronosticato, nonostante 3 anni da assessore 4 da sindaco di Fiume Veneto, nonostante decine di migliaia di euro spesi per redigere un piano del traffico ancora fermo in un cassetto, emerge chiaramente come questa maggioranza non sappia cosa fare sul tema della viabilità del nostro comune. Accogliamo con favore l’invito del sindaco e siamo disponibili a lavorare per individuare alternative per la viabilità di Fiume Veneto, a patto che lo si faccia concretamente e ufficialmente, senza perdite di tempo, coinvolgendoci dall’inizio dei lavori e non per avvallare quanto già deciso da altri.

E’ necessario comunque fare chiarezza sulla ricostruzione storica raccontata da Vaccher: i 9 milioni di euro (risalenti all’amministrazione Borlina), erano una promessa politica del tempo e non sono mai stati inseriti nel bilancio comunale. Di conseguenza non possono essere andati persi perchè non ci sono mai stati. L’ultima proposta di circonvallazione sud dell’abitato, risalente al 2006 e avversata da una petizione sottoscritta in un mese da circa 1.000 fiumani, tra cui gruppi ed esponenti dell’area dell’attuale maggioranza, è naufragata per la bocciatura degli uffici tecnici regionali in fase di parere sul piano regolatore e non certo perché qualche forza politica locale si è messa di traverso.

Attendiamo che sindaco Vaccher dia seguito, nelle sedi ufficiali, alla sua richiesta di aiuto rivolta alle opposizioni, per il momento avanzata solo tramite la stampa: Flumen c’è. Magari il sindaco potrebbe già iniziare esaminando tutte le proposte che abbiamo presentato in questi anni sulle quali non abbiamo mai ricevuto alcuna risposta: l’ultima proposta, che riguarda proprio il capoluogo, è datata settembre 2016 e l’unico riscontro del sindaco è stato il silenzio.

 

per approfondire:

perche-ci-opponiamo-a-questo-progetto

volantino-2