A fine giugno presentammo un’interrogazione per avere spiegazioni in merito allo spreco di € 12.000 impiegati per  trasformare alcune aiuole spartitraffico, sostituendo il verde e i fiori con del ciottolato colorato: l’assessore Simonin dichiarava che la spesa era stata decisa“nell’ottica di una sempre maggiore attenzione al contenimento della spesa pubblica, in quanto la soluzione adottata non richiede manutenzione ordinaria”.

Da quanto si può vedere sul territorio (le foto si riferiscono all’aiuola di via Friuli), dopo soli due mesi le erbacce spontanee si stanno riprendendo il loro spazio sulle aiuole, nonostante i €12.000 sprecati e le convinzioni del vicesindaco Simonin.

IMG-20150902-WA0004

IMG-20150902-WA0002

 

Ciò che riteniamo grave, oltre a dover  spendere altri denari per mantenere in uno stato di decoro le aiuole, dopo aver già sprecato cifre importanti per un intervento del tutto secondario, è la mancata  presenza quotidiana dell’amministrazione a controllo e presidio del territorio comunale: le prime piante sono spuntate quasi un mese fa ma, probabilmente, nessuno se n’è accorto e nemmeno ha ritenuto di dover dare indicazioni per intervenire tempestivamente. Durante il mese di agosto le erbacce hanno continuato indisturbate a svilupparsi, con le conseguenze e il degrado visibili da tutti.

Un’amministrazione efficiente ed attenta dovrebbe essere tutti i giorni sul territorio, a maggior ragione per l’ attuale giunta Vaccher, formata dalla per lo più da persone che fanno politica di professione a tempo pieno. Siamo convinti che chi amministra lo debba fare in maniera attenta e quotidiana e non intervenire sempre a seguito di polemiche e solleciti esterni. Ci chiediamo: serve proprio avere in squadra un assessore alle manutenzioni e ai lavori pubblici se poi non si occupa di buche, di lampadine, di aiuole?