Pubblichiamo quanto ricevuto a riscontro delle nostre interrogazioni discusse durante il consiglio comunale del 24 marzo.

Le risposte che abbiamo ricevuto sono del tutto evasive e fumose: eppure le nostre domande sono concrete e precise! Non si vuole rispondere o non si conoscono le risposte?

Una interrogazione verteva sulla polemica sollevata inutilmente dall’assessore Prosser in merito all’incarico di monitoraggio dei punti luce: ritenevamo che il sindaco dovesse prendere posizione a tutela dei consiglieri comunali e dei dipendenti che sono stati accusati di fatti mai accaduti o la cui responsabilità è riconducibile invece alla stessa maggioranza comunale, come i 7 mesi occorsi per stanziamento di bilancio che ha determinato il ritardo della vicenda. Invece il tutto è stato liquidato con un laconico “contenzioso politico”, quasi a sembrare di non voler nemmeno prendersi la responsabilità delle dichiarazioni che si rilasciano.

Con la seconda interrogazione intendevamo fare luce sullo strumento del “Piano Regolatore On – Line”, annunciato in pompa magna a novembre ma che ad oggi è solo parzialmente fruibile, per giunta con una cartografia non aggiornata. Con la risposta, ancora una volta consegnataci senza data e senza numero di protocollo, l’assessore Prosser ci sembra svicolare sul vero motivo dell’impossibilità di aggiornare lo strumento: con l’ultima variante n.55, ci si è probabilmente “dimenticati” di approvare la cartografia di aggiornamento. Lo strumento Web-Gis rimarrà, dunque, basato su un documento non aggiornato, a meno di un’ulteriore variante e relativi costi. Né abbiamo avuto riscontro al nostro suggerimento di sospendere temporaneamente il servizio dal sito internet, per non generare confusione agli utenti.

Tutto ciò con buona pace dei cittadini e dei denari pubblici spesi che la giunta non è nemmeno in grado di quantificare.

 

clicca qui:risposte interrogazioni 24.3.14