Pubblico di seguito il testo dell’interrogazione depositata stamane.

Ci sembra incredibile come componenti delle giunta si possano esprimere in contrasto con quanto stabilito da consiglio comunale solo per puri calcoli di convenienze delle segreterie politiche.

 

Ogg: interrogazione sulla variazione dell’organo statutario della partecipata ATAP spa

 

 

Considerato che il 27 giugno 2011 il consiglio comunale ha deliberato le modifiche allo statuto sociale dell’ATAP spa, di cui il comune di Fiume Veneto è socio,

Considerato che la delibera approvava la proposta di modifica dello statuto della società che, sostanzialmente, permette l’ingresso e l’operatività di ATAP spa nell’abito della gestione dei rifiuti e nel campo energetico,

Sottolineato che tale delibera venne approvata con 15 voti a favore (tutta la maggioranza oltre ai nostri voti) e l’astensione degli altri consiglieri di minoranza,

Ricordato che i gruppi del Popolo delle Libertà e dei Giovani con Impegno dichiaravano la loro chiara volontà per sostenere l’approvazione, ritenuta positiva dal punto di vista economico e delle prospettive,

Ricordato che il Sindaco e il Presidente di ATAP spa, su nostra specifica richiesta, vollero sgombrare i dubbi sui possibili conflitti di interessi a cui il comune di Fiume Veneto avrebbe potuto incontrare, essendo parimenti socio di Ambiente e Servizi spa, dichiarando che l’aspetto fu sviscerato anche attraverso il confronto con gli altri comuni coinvolti, escludendo la presenza di impedimenti in tal senso,

Letti i numerosi articoli sulla stampa di queste ultime settimane riguardanti la situazione ambigua che si sta creando attorno alla modifica dello statuto ATAP con la sostanziale conferma dell’esistenza nella provincia di Pordenone di un solido asse politico tra Partito Democratico e Lega Nord, accordo politico che sta ostacolando l’operazione senza che sussistano, a nostro avviso, reali motivazioni tecniche o normative,

Ritenuto che le strategie di lungo respiro per un amministratore pubblico debbano essere valutate attentamente e non cambiate completamente da un mese all’altro secondo l’opportunità politica o di interessi del momento,

Ritenuto che la democrazia in politica e nell’amministrazione pubblica sia fondamentale per una società civile e una sudata conquista del nostro tempo, democrazia che prevede gli eletti esprimere nelle sedi opportune il proprio voto in funzione degli interessi dei cittadini, senza rispondere ai diktat di stampo sovietico che vengono calati dall’alto da segreterie politiche che qualche volta ci sembrano assumere i connotati di comitati d’affari,

 

I SOTTOSCRITTI CONSIGLIERI COMUNALI INTERROGANO IL SINDACO PER SAPERE:

 

1)       Qual è la posizione del Sindaco e della Giunta comunale in merito alla situazione che si è creata;

2)       Se corrispondono al vero le notizie di stampa in base alle quali il Sindaco di Fiume Veneto ha partecipato a riunioni sul tema;

3)       Se corrispondono al vero le notizie di stampa in base alle quali il Sindaco di Fiume Veneto, durante tali incontri, abbia espresso voto contrario alla modifica dello statuto di ATAP spa e, in caso affermativo, perché sia stato espresso tale voto contrario dal momento che il Consiglio Comunale si è a larga maggioranza espresso invece favorevolmente;

4)       Se i gruppi di maggioranza in Consiglio Comunale, ad oggi, confermano le posizioni espresse solo quattro mesi fa attraverso votazione oppure qualcuno ha cambiato improvvisamente idea;

5)       Se ritiene sia utile proporre al Consiglio Comunale un ordine del giorno che faccia chiarezza sull’operazione e confermi quanto già deliberato il 27 giugno, ovvero l’approvazione della modifica dello statuto ATAP spa.

 

Si richiede che alla presente venga fornita risposta scritta in occasione del prossimo consiglio comunale.